Appartamento delle Residenze del Campus di Parma

Studiare a Parma? Sempre meno gli studenti immatricolati

Su base annua si registrano, in Italia, cali costanti nelle nuove immatricolazioni di studenti universitari. Quali sono le ragioni di questa contrazione? La principale è legata alle difficoltà economiche sempre più diffuse tra le famiglie, soprattutto del ceto medio: fare studiare un figlio o una figlia all’università, soprattutto da fuorisede, è una spesa che di questi tempi non tutti possono permettersi.

Purtroppo c’è anche un altro fenomeno, forse più preoccupante: si sta diffondendo la convinzione che pur con una laurea in tasca non è detto che il lavoro sia assicurato, cosa che purtroppo corrisponde a verità soprattutto per certi ambiti di studio.

Anche a Parma sono stati registrati cali significativi nelle nuove immatricolazioni, e con meno studenti che frequentano i corsi di laurea dell’ateneo qualcuno potrebbe pensare che finalmente trovare un appartamento in cui alloggiare non sia più un’impresa tanto difficile.

Non è detto che sia così, soprattutto per quanto riguarda gli affitti da privati, ed è per questo che le Residenze del Campus continuano ad essere la soluzione giusta per chi sceglie di studiare a Parma e desidera sistemarsi in un appartamento nuovo e dotato di ogni comfort.

Presso le Residenze del Campus si potrà optare per unità abitative da 72, 64 o 50 mq, tutte adatte ad ospitare due studenti ed affittabili in convenzione con l’Università degli Studi di Parma. Per informazioni: tel. 0521 208959.

Logo THD Lab

Incontinenza delle feci, le cause più comuni e i rimedi più efficaci

In media una o due persone ogni cento, secondo le statistiche più recenti, soffrono di problemi di incontinenza fecale; eppure, essendo il disturbo relativamente diffuso, praticamente mai si sente parlare di questi argomenti. Il motivo è presto detto, ed è legato all’imbarazzo ed alla vergogna di avere a che fare con una condizione di salute tanto particolare.

Quanto alle cause, l’incontinenza delle feci può scaturire sia da eventi traumatici che da particolari patologie. Ad esempio un parto naturale, problemi neurodegenerativi (morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer…) e tendenza alla stipsi/diarrea cronica sono tra le cause scatenanti più frequenti di questi problemi proctologici.

Non va dimenticato che l’incontinenza delle feci è legata anche a lesioni muscolari o nervose, e che il rischio di soffrirne è direttamente proporzionale all’aumento dell’età. Ma per fortuna esiste una buona notizia: la chirurgia ha fatto negli ultimi anni dei passi da gigante verso la cura di questo debilitante fenomeno, ed oggi è possibile guarire grazie alla metodica THD Gatekeeper.

L’intervento secondo il THD Gatekeeper permette, grazie all’inserimento di protesi che si auto espandono naturalmente a contatto con i fluidi del corpo, di ripristinare in modo efficace la capacità contenitiva dell’ano. Il tutto con un’operazione mininvasiva e di breve durata, sicura per il paziente e con rapide tempistiche di recupero: scopri di più a riguardo visitando il sito web thdlab.it oppure contattando l’800-066884 (Numero Verde).

Funghetti sott'olio

Coi vasetti Quattro Stagioni per sott’olio, ricette da dieci e lode!

La preservazione sott’olio è un delle più tradizionali modalità per conservare a lungo i cibi; esigenza che emerge soprattutto durante la primavera ma ancor più in estate, quando vi è abbondanza di specialità fresche (e deperibili) di stagione che sarebbe un peccato non riuscire a gustare anche nei mesi successivi.

Una tipica ricetta per sott’oli è rappresentata dai funghi: particolarmente abbondanti nella stagione autunnale, questi prodotti del bosco sono davvero gustosi ed è possibile conservare grazie all’olio gli ottimi porcini (Boletus edulis) ma anche tante altre varietà di proprio gusto.

Altra ricetta super classica è quella delle melanzane sott’olio, appartenente alla tradizione culinaria meridionale ma che anche nelle regioni del nord è molto apprezzata; va inoltre ricordato che sfruttando le potenzialità dell’olio si possono anche conservare altre verdure, tonno, e tutto quel che suggerisce la propria fantasia!

Per assicurarsi la perfetta sterilità di ciò che andremo a mettere nei barattoli è necessario scottare in acqua bollente un po’ di aceto gli ingredienti: l’acido infatti neutralizza i microorganismi dannosi per la conservazione (e la salute).

Ideali per i sott’olio sono poi i vasetti Quattro Stagioni, che da quarant’anni accompagnano la cucina italiana con la loro qualità elevata. Disponibili incapienze che vanno dai 150 ai 1500 ml, questi contenitori in vetro sono corredati delle famose capsule dorate che permettono la conservazione al top delle proprie conserve casalinghe.

 

Ascensori per disabili in Reggio Emilia: affidati a Reggiana ascensori

Uno dei maggiori problemi per i disabili è rappresentato dagli ascensori: questi spesso sono privi di ogni aspetto che permette loro di poter salire su tale struttura e potersi spostare all’interno di un palazzo o di un altro tipo di edificio.
Gli ascensori per queste persone devono infatti rispondere a diversi tipi di requisiti: ma a chi bisogna rivolgersi per poter acquistare gli ascensori per disabili Reggio Emilia?
Basta rivolgersi alla Reggiana Ascensori.

La ditta Reggiana Ascensori permette alle persone disabili, o con diversi problemi motori, di poter sfruttare al meglio la potenza di questi ascensori, costruiti appositamente per loro.
Essi rispetto ogni legge, e pertanto sono dotati di uno spazio maggiore, di sbarra dove le persone possono appoggiarsi e di tantissimi altri comfort.
Questi ascensori per disabili a Reggio Emilia installati da Reggiana Ascensori inoltre sono sottoposti a diversi controlli dopo l’installazione: la sicurezza dunque risulta essere sempre presente nel momento in cui si decide di utilizzare questi particolari strumenti, che permettono alle persone disabili di poter sfruttare uno strumento semplice come appunto un ascensore.

Team building con autovetture d'epoca

L’importanza del team building per le aziende a Parma

All’interno di un’azienda non basta compiere il proprio lavoro agendo come individuo; bisogna anche sviluppare forti rapporti interpersonali che consentano di migliorare l’efficienza produttiva, tenendo in considerazione il fatto che le potenzialità di un gruppo che lavora unito sono molto superiori a quelle delle singole individualità sommate tra di loro.

In un articolo comparso sulla rivista Inc. Magazine, si legge che le piccole e medie imprese “illuminate” dimostrano il loro apprezzamento nei confronti dei team che lavorano bene insieme per il fatto che “le persone devono lavorare insieme a stretto contatto, essere in grado di ricoprire diversi ruoli e lavorare in modo trasversale all’organizzazione, allo scopo di portare a compimento lavori in un tempo sufficientemente breve da mantenere la competitività”.

Ma come si crea questa coesione tra dipendenti? Un’ottima strategia sono le attività di team building, che effettuate in un contesto completamente estraneo a quello lavorativo permettono la creazione e il rafforzamento dei rapporti interpersonali a tutto vantaggio dell’efficienza e della produttività aziendale.

Vanta una lunga esperienza nelle attività di team building nel territorio di Parma la Food Valley Travel & Leisure, che organizza eventi di diverso tipo a seconda delle esigenze. Dalle lavorazioni di prodotti tipici emiliani alle giornate dedicate all’automobilismo, dalle sfide in cucina tra dipendenti ai corsi di sopravvivenza, con Food Valley Travel & Leisure ogni attività di team building sarà un successo!