imposte da pagare se si vende un terreno

Set 10, 2012 |

La tassazione dei terreni, per quanto riguarda l’imposta di registro è disciplinata dall’art. 1 della tariffa parte prima del DPR n. 131/1986.

Viene pertanto disposto che, in generale, la cessione di terreno è assoggettata ad imposta di registro pari al 15 % se ricorrono due condizioni:

  • Si tratta di un terreno agricolo;
  • La cessione è realizzata a favore di  soggetti  diversi da imprenditori agricoli a titolo principale o di associazioni o società cooperative ( di cui agli artt. 12 e 13 della legge n. 153/75).

Tuttavia oltre al caso classico di cui sopra vi sono molteplici casi da esaminare. Vediamoli nel dettaglio

CESSIONE DI TERRENI NON AGRICOLI DA PARTE DI SOGGETTI PRIVATI – In questo caso la tassazione da applicare sarà la seguente:

 

 

IMPOSTA ALIQUOTA
Imposta di registro 8 %
Imposta ipotecaria 2 %
Imposta catastale 1 %

 

La stessa tassazione sarà applicata se il venditore è un soggetto passivo Iva e riguarda terreni non edificabili e non agricoli.

CESSIONI DI TERRENI EDIFICABILI – Per quanto concerne la qualifica di area edificabile occorre rifarsi  a quanto contenuto nell’art. 36 del D.L. 223/2006. Tale articolo stabilisce che un area è da considerarsi edificabile se è possibile utilizzarla a scopo edificatorio così come disposto dal piano regolatore adottato dal Comune.

Se il trasferimento è realizzato da soggetti Iva la cessione è imponibile Iva con aliquota del 21 %, è pertanto le imposte di registro saranno dovute in misura fissa. In questo caso occorrerà pagare:

IMPOSTA ALIQUOTA
Imposta di registro € 168,00
Imposta ipotecaria € 168,00
Imposta catastale € 168,00

 

La stessa tassazione sarà inoltre applicata ai soggetti imprenditori agricoli che effettuino una cessione di terreno edificabile, purché questo sia stato precedentemente destinato alla produzione agricola. Tale condizione è essenziale in quanto se il terreno non è destinato alla produzione agricola, questo sconterà l’imposta di registro all’8 %, l’ipotecaria al 2% e l catastale all’1 %.

CESSIONE DI TERRENO AGRICOLO

Nel caso la vendita di terreno agricolo sia effettuata da parte di soggetti Iva le operazioni sono fuori campo Iva e pertanto scontano l’imposta di registro. La tassazione sarà la seguente:

IMPOSTA ALIQUOTA
Imposta di registro 15 %
Imposta ipotecaria 2 %
Imposta catastale 1 %

 

La stessa tassazione sarà applicata anche nel caso di vendita di un terreno agricolo ad un soggetto diverso da imprenditore agricolo professionale (IAP ) o cooperativa agricola. Infatti per questi ultimi è prevista una tassazione agevolata ( registro 8 %, ipotecaria 2 %, catastale 1%) purché ricorra una delle seguenti condizioni:

  • L’acquirente consegna al notaio la certificazione della sussistenza dei requisiti previsti dalla legge;
  • Il compratore dichiari di voler conseguire i requisiti previsti dalla legge ed entro un triennio produca la documentazione.

CESSIONI AGEVOLATE – Esistono inoltre numerose casistiche in cui le imposte di registro, catastali ed ipotecarie sono dovute in maniera agevolata. Sono ad esempio assoggettati ad imposta di registro fissa ( pari ad € 168,00) i trasferimenti a favore dello Stato, mentre pagheranno anche l’ipotecaria ( € 168,00) e la catastale ( 1%) oltre all’imposta di registro in misura fissa i trasferimenti di terreni a favore di enti pubblici territoriali.

Agevolate anche le cessioni di terreni da parte di privati a favore di Onlus o enti ex IPAB. In questo caso la tassazione sarà la seguente:

IMPOSTA ALIQUOTA
Imposta di registro €  168,00
Imposta ipotecaria 2 %
Imposta catastale 1 %

 

La tassazione ridotta è comunque accordata se la Onlus dichiara nell’atto che l’immobile sarà utilizzato nell’ambito della propria attività e che questo sia utilizzato effettivamente entro due anni dall’acquisto.

www.zerotasse.it

 

Posted in: Comunicati | Tags: ,

Comments are closed.